Parte la seconda fase della Start Cup Calabria 2016, la competizione di idee d’impresa innovative organizzata da Università della Calabria, Università Magna Graecia, Università Mediterranea e CalabriaInnova.

Le 30 migliori idee selezionate nel corso dello scouting itinerante, infatti, continuano il loro percorso partecipando all’Academy, la settimana intensiva per approfondire le proposte raccolte, che prevede cinque sessioni di tutorship per trasformare le idee in progetti d’impresa con corsi teorico-pratici alternati a giornate di lavoro sul prodotto o sul servizio. Quest’anno la formazione vedrà la partecipazione di I3P, l’Incubatore delle Imprese Innovative del Politecnico di Torino, il più importante a livello italiano e uno dei maggiori a livello europeo. Nel 2014 I3P si è classificato al 5° posto in Europa e al 15° al mondo nel ranking UBI Index (University Business Incubator), la classifica annuale degli incubatori universitari realizzata dalla svedese Ubi Index (University Business Incubator) che ha preso in esame 300 incubatori di 67 paesi, valutandone l’attrattività e la creazione di valore per l’ecosistema e per i clienti.
La formazione si terrà dal 13 al 16 giugno al Contamination Lab di Reggio Calabria sito presso la facoltà di Architettura dell’Università Mediterranea. Dopo le prime 4 giornate, il prossimo appuntamento tra I3P e i team di startupper è previsto il 22 giugno: in questa occasione i gruppi definiranno il pitch da presentare durante la semifinale del 27 giugno al Castello Aragonese di Reggio Calabria. Da qui, le 10 idee d’impresa ritenute più sostenibili sul mercato parteciperanno all’evento finale, gli Awards, previsto presso l’Università della Calabria il prossimo 14 luglio.